Rovereto

Rovereto è la seconda più grande cittadina del Trentino ed è ubicata in Vallagarina.

Nel corso degli ultimi anni, Rovereto, da piccola cittadina di provincia, è divenuta un importante polo turistico e culturale grazie soprattutto all’esposizione permanente di arte contemporanea ed alle mostre che periodicamente propongono capolavori provenienti da tutto il mondo, del MART. E’uno dei più grandi musei di arte contemporanea presenti in Italia; i visitatori vi accedono passando sotto la meravigliosa volta in vetro e acciaio disegnata da Mario Botta. In pochi anni il MART ha saputo affermarsi come uno tra i poli museali italiani più dinamici e intraprendenti; le sue esposizioni e gli eventi ad esse collegati richiamano moltissimi appassionati italiani e stranieri. Rovereto è un centro vivace nel cui DNA l’arte e la cultura rappresenta un elemento fondamentale; infatti è stata una delle culle del movimento futurista italiano, trovando in Fortunato Depero un importante rappresentante, che ha lasciato nella città un seme che oggi è germogliato col MART.

La grande cupola di Botta in acciaio e vetro del Mart

Parlando di arte non si può non citare il festival Oriente Occidente, l’incontro delle culture sul palcoscenico della danza. E’ un avvenimento internazionale che riunisce in settembre i maggiori esponenti della danza mondiale.

Il Trentino è stato un territorio divenuto, suo malgrado, protagonista della I grande guerra. Oggi le lunghe trincee, i ruderi dei baraccamenti, i rinvenimenti di oggetti e attrezzature degli eserciti che vi hanno combattuto ne sono testimonianza e monito per tutti gli uomini del futuro. Gli stessi uomini che fondendo il bronzo di alcuni cannoni crearono l’imponente campana della pace la “Maria Dolens”; la campana, una delle più grandi al mondo, è situata sul colle di Miravalle. Da questa posizione dominante, con i suoi 100 rintocchi serali onora i caduti di tutte le guerre, il suo suono diffondendosi per la valle diventa al contempo musica e simbolo di pace. Per questi motivi Rovereto è chiamata la città della Pace. Gli appassionati di storia avranno la possibilità di visitare gli allestimenti e le esposizioni di armi, divise e documenti ospitati presso il Museo della Grande Guerra presso il Castello di Rovereto.

La vista sul castello di Rovereto da Piazza Santa Maria e le indicazioni per la Vallarsa e per alcuni luoghi meritevoli di essere visitati

Rovereto è adagiata in un vasto territorio votato alla produzione di grandi e rinomati vini, tra i quali spicca il Marzemino che tanto venne decantato da Mozart; a quest’ultimo è dedicato un festival che invita l’ospite all’ascolto musicale ed a perdere i propri sensi nelle variegate proposte enogastronomiche. L’influenza del clima e la ricchezza del suolo garantiscono da sempre la qualità e la varietà dei prodotti enogastronomici.

Rovereto è sede di un famoso motoraduno motociclistico che richiama molti appassionati; diversi sono i possessori di moto storiche che vengono a mostrare i loro luccicanti cimeli. Recentemente in città, gli appassionati degli sport motoristici hanno organizzato un rallye automobilistico denominato “Trofeo città della Quercia”, nel quale il pilota trentino Renato Travaglia è stato il primo apripista.

Qualche curiosità: Il sommo poeta, Dante Alighieri, citò nella sua opera più famosa, capolavoro indiscusso dell’arte letteraria italiana, il caratteristico paesaggio che egli potè osservare quando ebbe modo di passare nelle vicinanze di Marco, piccolo borgo alle porte di Rovereto. Qui il territorio è caratterizzato dalla presenza di grosse rocce denominate i Lavini di Marco, che si staccarono dal Monte Zugna, forse a causa di un terremoto.

Questo particolare e caratteristico territorio viene citato nel canto XII della Divina Commedia; “Qual è quella ruina che nel fianco – di qua da Trento l’Adige percosse, – o per tremoto o per sostegno manco, – che da cima del monte, onde si mosse, – al piano è si roccia discoscesa ch’alcuna via darebbe a chi sù fosse

Un’interessante proposta per i vostri soggiorni potete trovarla visitando il sito della Residenza del Porto. A disposizione degli ospiti area coperta per il parcheggio di moto e attrezzature sportive.